Il “Bialbero” di Casorzo: la magia del ciliegio nato su un gelso

Il bialbero di Casorzo è una rarità che si può incontrare tra terra e vigneti astigiani.

Come due anime che si fondono, tali sono le due specie del bialbero, il quale nasce dalla congiunzione di un gelso di circa cinque metri e di un ciliego, di ben sei.

Queste bizzarrie della natura sono note come epifite: piante “parassite” che vivono su altre piante, spesso usate come “sostegno” e non come nutrimento.

In realtà trattasi, solitamente, di felci o di muschi che vivono su tronchi e rami, non di sovrapposizione di alberi.

Il bialbero di Casorzo è doppiamente insolito:anche le dimensioni e l’età raggiunte sono notevoli.

È ormai assodato che il ciliegio abbia messo radici nel tronco semi-cavo del gelso probabilmente in seguito a dei semi lasciati sulla sommità di questo, da parte di animali.

Successivamente, le piogge e le condizioni ambientali favorevoli devono aver contribuito al verificarsi di questo fenomeno, che anche contadini e locali faticano a descrivere esattamente in termini scientifici.

Un’altra peculiarità è che entrambi gli alberi, proprio per questa coesistenza pacifica, riescono a produrre i propri frutti, facendo un ulteriore regalo ai loro visitatori.

C’è da ringraziare sicuramente coloro che, regolarmente, se ne prendono cura permettendo loro di continuare a vivere al meglio.

Non sorprende, quindi, che questo piccolo miracolo sia diventato un’attrazione per i turisti che decidono di visitare il Piemonte percorrendo la strada tra Casorzo e Grana.

Nemmeno stupisce che il doppio albero si sia guadagnato una menzione d’onore nell’albo virtuale (il sito ufficiale) del Comune, che lo cura e lo decanta come una celebrità!

L’Europa non è nuova a tali magie, sebbene rare: si ha notizia di quello croato, che si trova nel Parco nazionale dei laghi di Plitvice che, però, è costituiro da un pesco e da un abete.

Sicuramente si aggiunge agli alberi più particolari e spettacolari della penisola, tra cui il famoso Castagno dei cento cavalli: l’albero più antico del continente e che sorge in Sicilia, nella provincia di Catania.

error

Seguici per rimanere aggiornato

Instagram